Gli Occhi e la Vista

Gli Occhi e la Vista

Buona parte delle informazioni ricevute dal cervello e provienti dal mondo esterno derivano dalla vista: la responsabilità di ciò è affidata agli occhi, organi tra i più complicati del nostro corpo ma capaci di determinare struttura e dimensioni di un oggetto posto alla nostra attenzione ancora prima di conoscerne la distanza oppure di  toccarlo.

Più della metà dei recettori sensoriali corporei sono localizzati negli occhi al punto che, quando c'è luce, vengono attivate oltre cento milioni di cellule capaci di trasformare l'immagine in impulsi nervosi da mandare al cervello. La luce riflessa dagli oggetti è in parte rilevata dalla cornea mentre la lente concentra i raggi di luce per riuscire a mettere a fuoco e costruire l'immagine. Facendolo, muta la sua forma.

I suddetti raggi finiscono con l'incrociarsi all'interno dell'occhio e col produrre una immagine capovolta dell'oggetto; la retina si occupa dell'invio delle informazioni al cervello ricreando correttamente l'immagine. Ecco che la lente (cristallino) è il disco che mette a fuoco la luce in relazione alla distanza dell'oggetto, mentre la retina è il rivestimento interno che trasforma la luce in impulsi nervosi.

La visione è binoculare quando guardiamo di fronte a noi dal momento che gli occhi vedono nello stesso momento con due differenti prospettive. Di conseguenza possiamo parlare di visione stereoscopica poichè osserviamo da angolazioni differenti due immagini del medesimo oggetto, ma senza distorsioni o deformazioni; l'immagine è percepita tridimensionale dal cervello.

L'occhio è dunque il maggiore organo di senso dell'apparato visivo e assolve il compito di raccogliere le informazioni provenienti dall'esterno mediante la luce, di formare una immagine e di trasformala in segnali che il cervello elabora e interpreta.